Food e design, Peppino Lopez, un piatto di portata in stoneweare smaltato bianco lucido, farà da cornice alla proposta del maestro gelatiere Mezzalira

Una piccola opera d’arte realizzata a mano e pensata dal designer Peppino Lopez farà da cornice a “Mari e monti, il gambero incontra le alghe di montagna”, il piatto che lo chef e maestro gelatiere Antonio Mezzalira, di Gazzo Padovano, porterà al Sigep di Rimini nella sezione Gelato d’Oro, in programma da sabato 19 gennaio fino a lunedì 21, alla hall Sud.

Una straordinaria gara gastronomica per la coppia Lopez-Mezzalira che segna il primo incontro professionale tra i due giovani artigiani, un debutto, il loro che accorcia le distanze geografiche (ragusano il primo, padovano il secondo) proprio come gli ingredienti scelti per la preparazione del gelato azzerano ogni latitudine: il gambero rosso di Mazara del Vallo, proveniente dal lembo di terra più a sud della Sicilia incontra, appunto, le alghe di montagna delle cime più alte delle Alpi.

Sono tre le sezioni della manifestazione: gelateria (Mystery crema, Mystery Frutta, Monoporzione Gelato e Gelato Gastronomico); pasticceria (Torta gelato al cioccolato a Pezzo artistico croccante) e l’alta cucina dove la prova da superare sarà la realizzazione di tre finger food caldi in abbinamento al gelato gastronomico.

Il piatto pensato da Lopez per l’occasione è stato realizzato in stonewearesmaltato bianco lucido, ed è stato ispirato ai ricordi dell’infanzia, proprio come il gelato, in fondo, è legato a una memoria gustativa dei bambini, “di quando passeggiavo lungo i marciapiedi antistanti il mare della mia città, Ragusa – racconta l’architetto che ha creato una collezione di piatti dedicati al food, chiamata Design for chef – e tra i sogni che si intrecciavano alla fantasia, bastava vedere il guscio di un crostaceo, rimasto intrappolato tra gli scogli dopo l’alta marea, per immaginarmi una storia a lieto fine”. “In fondo il titolo del piatto proposto dal maestro Mezzalira sembra una fiaba – spiega – è stato come immaginare che dal quel guscio potesse rinascere un gambero, magari con le ali che magicamente spicca il volo per andare lontano per posarsi poi su un’alga di montagna”. “Ed è andando a ritroso nel tempo, che assieme ai ricordi riemergono anche sensazioni come gioia e stupore. Ecco, sono le stesse sensazioni che mi piacerebbe avessero i commensali che assaggeranno questo straordinario gelato gastronomico”.

Antonio Mezzalira chef e gelatiere di Golosi di Natura di Gazzo in provincia di Padova e contributor per riviste di settore, preparerà un antipasto, un gelato al Gambero Rosso di Mazara e tre appetizers.

“Il gelato gastronomico al Gambero “Rosso di Mazara” è inserito all’interno di un bignè salato – anticipa Mezzalira – come appetizer caldi vengono associati una pizza finta fatta con il cacao amaro, la crema di corniolo acidula, il gruè di cacao e la polvere di teste di Gambero, come secondo appetizer una coda di Gambero fritta con spaghetti di riso e accompagnati da una salsa di erba bardana, poi come ultima appetizer caldo il Gambero intero avvolto da una fettina di lardo di colonnata e laccato con del mugolio.

L’esito della gara offrirà la possibilità di far parte della squadra che parteciperà alla nona Coppa del Mondo della Gelateria 2020, dove gareggeranno 12 nazioni che stanno selezionando a loro volta le squadre.

 

Lascia una risposta