Le creazioni di Peppino Lopez al Mediterranean Cooking Congress a Castellammare di Stabia

 

Il recupero dell’antico Borgo dei Naviganti diCastellammare di Stabia e la candidatura al Ministero delle 28 sorgenti stabiesi. E’ partita  da qui la prima tappa del Mediterranean Cooking Congress 2019, evento di marketing territoriale giunto alla sesta edizione eorganizzato dalla società By Tourist.

Informare, promuovere, tutelare sono le linee guida di una manifestazione che ogni anno punta la propria attenzione verso una materia prima del Mediterraneo, per scoprire territori e mettere in campo progetti di marketing, avviandone il recupero e la promozione internazionale. Ed in questo modo, step by step, alimentare il Mediterraneo da una costa all’altra. Focus 2019 sono l’acqua e la pesca. E il viaggio ha avuto inizio a Castellammare di Stabia, dove è stato realizzato in sinergia con il Comune, l’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centrale, la Capitaneria di Porto e gli imprenditori del centro storico stabiese il recupero dell’antico Borgo dei Naviganti e delle fonti di via Duilio, nella zona adiacente lo stabilimento della Fincantieri. 

“Il recupero e la promozione di questo luogo storico di Castellammare di Stabia, definito Quartiere Acqua della Madonna per la presenza appunto delle 28 sorgenti tra cui lacqua della Madonna, detta anche dei naviganti, è stato possibile soprattutto grazie alla collaborazione dei cittadini del posto, residenti, associazioni ed operatori del mare che con noi e il Comune hanno lavorato in strada in prima linea per mesi, bonificando la zona e rendendola nuovamente fruibile a visitatori e turisti – illustra Luisa Del Sorbo, ideatrice del Mediterranean Cooking Congress e manager della società By Tourist  È un’operazione sana di marketing territoriale ben riuscita, che passa per le sorgenti per arrivare al mare e continuare il nostro viaggio, che ci vedrà impegnati nei prossimi mesi su Venezia e Taormina, per poi navigare verso la Grecia, continuando ad accendere i riflettori sul tema della pesca sostenibile e sulla risorsa Acqua per alimentare il Mediterraneo. Il grazie più grande va agli amici chef che ogni anno contribuiscono a presentare piatti per supportare il nostro percorso dal punto di vista tecnico. Nel caso di acqua e pesca presentando appunto ricette, utilizzando le acque di Stabia per l’impasto del pane o diversificando l’utilizzo delle materie primecucinando ad esempio pesce povero,salvaguardando quindi quelle specie già troppo sfruttate, come il tonno o il cefalo”.

A supportare l’iniziativa a Castellammare di Stabia, tra cooking show e laboratori sulle materie prime (grano, olio, acqua e pomodorini) sono intervenuti infatti numerosi chef stellati italiani, tra questi: Mauro Uliassi, 3 stelle Michelin di SenigalliaVincenzo Guarino, 1 stella Michelin del Mandarin Hotel del Lago di Como e  Pietro D’Agostino, 1 stella Michelin di La Capinera di Taormina che ha presentato il piatto ‘O sgombro mio su una creazione del designer Peppino Lopez della collezione Bolle, creato per l’occasione.